Benvenuti nel portale Associazione Sangro Aventino
0872-660320

Fauna

La fauna di Monte Pallano non è stata mai descritta in modo approfondito, sono pochi gli studi specifici effettuati eclusivamente in questo territorio, fatta eccezione per ricerche a più ampio raggio e, più recentemente, per i dati raccolti per la redazione del Piano di Gestione del SIC. Infatti il Formulario Standard del Sito Natura 2000 del Monte Pallano riporta la presenza di poche specie faunistiche: cervone (Elaphe quatuorlineata), salamandrina di Savi o s. dagli occhiali settentrionale (Salamandrina perspicillata), tritone crestato italiano (Triturus carnifex), nibbio bruno (Milvus migrans), nibbio reale (Milvus milvus), ortolano (Emberiza hortulana), averla piccola (Lanius collurio), lodolaio (Falco subbuteo) e lupo (Canis lupus). L’elenco delle specie di interesse comunitario è stato ulteriormente integrato con le più recenti osservazioni che lo ampliano notevolmente. Rispetto alle specie di Insetti indicate dalla Direttiva Habitat, nell’area del Monte Pallano sono state rilevate due specie: il cerambice delle Querce (Cerambyx cerdo) e la falena dell’edera (Callimorpha quadripunctaria)*. Il SIC/ZSC di Monte Pallano presenta ambienti di particolare idoneità per l’anfibiofauna e l’erpetofauna: corsi d’acqua a carattere torrentizio, acquitrini ed ambienti lacustri a carattere temporaneo, acquitrini permanenti e fontanili. E' stato possibile stimare la popolazione della raganella italiana (Hyla intermedia) tra i 70.000 e i 90.000 esemplari. Si tratta del sito con il più alto numero di esemplari di questo anfibio noto per l’Italia peninsulare, concentrati in un’area estesa poco più di 2 ettari. Tra i rettili, oltre alla comune biscia d'acqua (Natrix natrix), al biacco (Hierophis carbonarius) e al colubro di Esculapio (Zamenis longissimus), sono presenti altri ofidi poco comuni come il colubro liscio (Coronella austriaca) e la natrice tassellata (Natrix tessellata), anch'essa legata all'acqua come la natrice dal collare (Natrix natrix), e soprattutto il cervone (Elaphe quatuorlineata), il serpente europeo che raggiunge maggiori dimensioni. Tra i sauri, oltre alle lucertole, al ramarro e all’orbettino, merita menzione la rara luscengola (Chalcides chalcides), presente esclusivamente nei pascoli aridi diffusi soprattutto sul versante occidentale. La presenza di aree aperte a determinate quote è importante perché garantisce ancora la diffusione di specie di uccelli di interesse comunitario.

La più rappresentativa è sicuramente il succiacapre (Caprimulgus europaeus), migratrice regolare e che nidifica nel SIC con una frequenza relativamente elevata. La tottavilla (Lullula arborea), anch’essa poco comune, è nidificante sulla parte sommitale del Monte Pallano. Migratrice regolare e svernante è una specie protetta e non cacciabile, ma assomiglia alla più comune e diffusa allodola, che invece rientra nell’elenco delle specie cacciabili.

L’averla piccola (Lanius collurio) è anch’essa migratrice regolare e nidificante. Tra i rapaci più importanti abbiamo il nibbio bruno (Milvus migrans), una specie migratrice e nidificante localizzata. Ben presenti anche il nibbio reale (Milvus milvus) e il lodolaio (Falco subbuteo).

Amministrazione trasparente

Amministrazione Trasparente

Albo pretorio online

Nata nel 1998, l’Associazione tra Enti Locali del Sangro Aventino è costituita da 63 comuni situati nella Provincia di Chieti e L’Aquila. Avente come capofila il Comune di Atessa, essa nasce per l’esercizio associato di funzioni e servizi comunali ed è regolata mediante una convenzione fra gli Enti associati.
CONTACT INFO

ASSOCIAZIONE TRA ENTI LOCALI SANGRO AVENTINO

Via Nazionale, SNC - 66030 Santa Maria Imbaro (CH)
C.F.: 01846480695

Email: associazione@sangroaventino.eu
PEC: suap@gigapec.it - suapediliziasangro@pec.it
Tel. 0872 - 660320

Questo sito si avvale di cookie utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo
© 2018 Associazione Sangro Aventino - Ente Capofila: COMUNE DI ATESSA - C.F. 01846480695 - AREA RISERVATA